gim

“Insieme per Gavardo”

Ieri sera all’auditorium Zane, in una conferenza stampa allargata ai simpatizzanti,  c’è stata la presentazione della lista civica “Insieme per Gavardo” e del  candidato sindaco Davide Comaglio. Nel corso della serata, che ha registrato una nutrita partecipazione, il candidato sindaco e i rappresentanti dei vari gruppi che sostengono la lista hanno spiegato le ragioni e le motivazioni che li hanno spinti a dar vita a questo progetto. Progetto a cui partecipa anche Gavardo in movimento. Pubblichiamo qui sotto l’intervento del nostro rappresentante Silvio Lauro.

Intervento di Silvio Lauro, portavoce di Gavardo in movimento alla serata di presentazione della lista “Insieme per Gavardo – Davide Comaglio sindaco”.

Noi di Gavardo in movimento abbiamo deciso di partecipare a questo progetto, alla costruzione cioè di un programma e di una lista alternative, chiaramente alternative alla maggioranza e alle forze politiche che hanno governato a Gavardo in questi ultimi anni. Siamo convinti che Gavardo ha bisogno di una svolta, ha bisogno di dotarsi di una maggioranza solida, credibile, onesta, competente, preparata che provi a risollevare le sorti di questo nostro comune che sono cadute così in basso.

Abbiamo avuto un sindaco che è stato condannato per abuso d’ufficio per fatti commessi come sindaco del nostro comune e he ha subito un’altra condanna anche per altri reati commessi come funzionario nel comune di cui era dipendente. Sindaco che tardivamente, molto, troppo tardivamente ha deciso di dimettersi (e solo per fare un dispetto ai suoi compagni di maggioranza) e che in tal modo ha messo il comune in una situazione davvero poco felice, condannandolo al commissariamento, un lungo commissariamento, quasi un anno, E questa non è una cosa certamente positiva perché significa togliere ai cittadini la possibilità di governare, di decidere, di fare le scelte relative alle questioni che li riguardano direttamente, che riguardano il loro comune; il tutto ovviamente attraverso i loro rappresentanti democraticamente eletti. Adesso c’è un commissario che decide in maniera totalmente autonoma senza un dibattito, senza un confronto con nessuno né con i cittadini né con i gruppi che li possono rappresentare in consiglio comunale.

Questa è la situazione in cui ci troviamo. Gavardo in movimento è convinto che è assolutamente necessario superare positivamente questa situazione, con un radicale cambio di rotta. Ed è per questo che da tempo stiamo lavorando per andare verso questa direzione per realizzare questo obiettivo, per raggiungere questo risultato. In questi ultimi due anni abbiamo fatto un percorso di confronto e di verifica con gli altri gruppi: un percorso che non è stato certamente facilissimo, un po’ accidentato, con qualche momento di oggettiva difficoltà. Alla fine del percorso abbiamo però convenuto, abbiamo ritenuto che ci fossero le condizioni per contribuire a creare qualcosa di alternativo. Una lista, come è stato più volte detto, civica, costruita a partire dal supporto, la collaborazione, il contributo dei due gruppi che hanno fatto l’opposizione in comune in questi ultimi quattro anni, Gavardo in movimento e Gavardo Rinasce; ma anche con il contributo di altri gruppi, a partire da quelli che hanno dato vita a Gavardo Rinasce qualche anno fa, e di altri ancora qui rappresentati stasera.

Ma noi pensiamo che sia altrettanto necessario e importante che la lista sia allargata ad altre figure, ad altre persone, a cittadini gavardesi rappresentativi, rappresentanti di quella che normalmente viene definita la società civile; che non fanno parte o riferimento in maniera organica a partiti o gruppi consolidati ma che possono portare un contributo significativo alla costruzione e soprattutto alla attuazione del programma di questa lista civica. Una lista variegata quindi, composta da tante sensibilità, anche diverse tra loro, ma accomunate dalla volontà di lavorare insieme per provare a cambiare volto al nostro paese.

Cambiare nel modo di amministrare, nelle scelte che vengono fatte, che devono essere sempre orientate al bene del comune e della collettività, (sembra una banalità ma negli ultimi anni non è sempre stato così), nei rapporti con i consiglieri e le minoranze, nel favorire la partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni, della società civile nelle scelte che li riguardano.

Queste le principali motivazioni principale che stanno alla base della nostra scelta. Ma in questa scelta ha contribuito anche l’esperienza che abbiamo fatto in questi anni in Consiglio Comunale. Un’esperienza che è stata importante, significativa, utile e istruttiva pur con tutte le difficoltà che ha comportato svolgere il compito di consiglio comunale di minoranza. Un’esperienza caratterizzata anche da un positivo rapporto di collaborazione con l’altro gruppo di opposizione, Gavardo Rinasce. Pur mantenendo ognuno la propria identità, la propria caratterizzazione (siamo e saremo comunque diversi, non siamo la stessa cosa) abbiamo però collaborato, in maniera seria significativa, con stima e rispetto reciproco, su molte questioni: la fonderia, la cava in Tesio, il regolamento per il referendum, solo per citarne alcune.

Le modalità con cui abbiamo lavorato con loro in questi anni è un latro elemento che ci ha portato e ciò ci ha portato a pensare sempre di più che fosse possibile pensare di lavorare insieme in maniera più organica, partecipando ad un progetto comune. P

Per questo siamo qui: perché noi di Gavardo in movimento ci siamo con Davide Comaglio e con Insieme per Gavardo; ci siamo, insieme con tutti gli altri amici qui presenti, convinti che, insieme, possiamo farcela.

Parole in movimento 2015- Editoriale

Gavardo in movimentoIl  2015 è stato un anno difficile, drammatico: cominciato con l’assalto jihadista a «Charlie Hebdo»,  si conclude con altri attacchi terroristici dell’Isis, di nuovo a Parigi. Eventi drammatici che ci hanno scosso, perché sono successi vicino a noi e ci hanno fatto sentire più vulnerabili. Purtroppo però, in tutto il mondo, soprattutto in Africa e Medio Oriente, le guerre e il terrorismo hanno imperversato per tutto l’anno, causando migliaia di vittime, nella maggior parte musulmane, anche se spesso preferiamo non ricordarlo. Continua la lettura